Valentina Falucca

Valentina Falucca

21 Marzo Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

 

Ogni 21 Marzo, primo giorno di primavera, Libera celebra la Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, e anche noi dell’Istituto Tecnico Rosselli Rasetti abbiamo voluto dare il nostro contributo partecipando alla marcia svoltasi nel centro di Perugia.

Tutti si chiederanno perché Libera ha deciso di ricordare queste vittime proprio il 21 Marzo come riportato all’inizio, ed ecco la risposta, l’associazione ha deciso questo perché in quel giorno di risveglio della natura si rinnovi la primavera della verità e della giustizia sociale. Siamo partiti da Castiglione del Lago accompagnati dai professori Attisani, Scattini, Bigerna e Centomo dopo vari incontri svolti nelle precedenti mattinate per prepararsi al meglio a questa giornata di ricordo, protesta, e perché no, anche un pizzico di orgoglio e allegria. Arrivati al punto di ritrovo l’atmosfera è subito contagiosa e si può osservare uno scenario fantastico grazie alla presenza di molte scuole dell’umbria, con padri, madri, figli e amici delle vittime. Dopo una marcia pacifica, arrivati nella piazza centrale ci aspettano delle testimonianze dei parenti delle vittime e il momento più emozionante è quando bambini, ragazzi, adulti, e anziani leggono i nomi delle novecento vittime innocenti delle mafie, ma è doveroso ricordare che quei nomi sono solo una piccola parte delle persone uccise ingiustamente da queste “associazioni” illecite e questa giornata tende a ricordare tutte le vittime anche se di molte non se ne ricorda il nome. Si può insomma descrivere questa giornata unica, con un po’ di dolore ma come detto prima orgogliosi di averne fatto parte. Il nostro impegno per la verità e giustizia deve essere giornaliero. Speriamo che il nostro entusiasmo sia contagioso.

Mattia D.F. 4 Meccanica

Presidio del volontariato “gim che bulo” in piena attività.

Il presidio del volontariato “Gim ch’é bulo!” è operante dall’anno scolastico 2009-2010 all’interno dell’istituto Superiore Omnicomprensivo Rosselli - Rasetti, in collaborazione con il CeSVol Perugia (Centro servizi del Volontariato di Perugia) ed il coordinamento del professore Mariano Centomo.

Nel corso dell’anno scolastico 2016-17 numerose sono le iniziative messe in atto dal Presidio, grazie al pieno appoggio del Dirigente d’istituto Eleonora Tesei, ed alla collaborazione di Istituzioni, Enti e Associazioni.

La prima iniziativa tenutasi il 21 Novembre, in occasione della giornata Internazionale dei diritti dei bambini e degli adolescenti siamo andati nelle classi seconde della scuola secondaria di primo grado ed abbiamo approfondito con loro

l’ importanza del rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo, utilizzando letture, poesie e canzoni. Siamo stati aiutati, in questo percorso dalla Signora Brunetta Bellucci, volontaria storica dell’Associazione Emergency, e grazie a lei abbiamo potuto parlare anche dell’importante lavoro svolto da questa associazione nei paesi in guerra.

Il 27 Gennaio, come già fatto lo scorso anno, abbiamo partecipato al progetto della Fondazione Rondine, in provincia di Arezzo. Sono state coinvolte le classi superiori e la classe 3B della secondaria di primo grado medie. La fondazione Rondine, nell’omonima cittadella medioevale, ospita studenti provenienti dai paesi in guerra che in questo sperimentano una vita di convivenza, di formazione e di studio e possono testimoniare, una volta rientrati nei paesi di origine, che è possibile realizzare concretamente la pace. Appena arrivati alcuni dei ragazzi del posto, ci hanno accolto con un saluto. Dopo la presentazione, ci siamo divisi in gruppi e abbiamo fatto un mini “caccia al tesoro” per la Cittadella di Rondine. Una volta fatto la caccia ci siamo ridivisi in gruppi con i ragazzi dello studentato che sono di nazionalità diverse. Attraverso giochi interattivi abbiamo avuto l’opportunità di scoprire il valore del dialogo e la pacifica convivenza. Abbiamo imparato a comprendere e gestire i conflitti interpersonali

Il 28 Gennaio abbiamo aderito alla campagna dell’AIRC (Associazione Italiana per la ricerca Contro il Cancro) vendendo le reticelle di arance ai compagni della Scuola e ai Docenti e con il contributo raccolto possiamo fare la nostra parte nella ricerca contro questa malattia.

Il 3 Febbraio in collaborazione con CSC (Centro Socio Culturale) l’Incontro si è svolto il 5°torneo di briscola intergenerazionale fra noi e gli anziani e a seguire la cena preparata dalle volontarie del CSC ed allietata dalle musiche di Fabio Rubaca e del gruppo Musicale Trasimeno Clearwater Revival. Noi ragazzi del Presidio abbiamo pensato di donare i soldi raccolti con la cena ai terremotati di Preci, per dare il nostro contributo alla raccolta fondi promossa dal Comune castiglionese in collaborazione con le associazioni del territorio. Hanno aderito all’iniziativa circa cento persone e sono stati raccolti circa 1.000,00 euro

Altri attività imminenti sono i corsi di “clowneria”, sia con i ragazzi del Presidio che con la classe 1° A Servizi Socio-Sanitari condotti da Donato Bini chiamato “ mago DUDI”. La Clowneria è l'uso delle tecniche del clown e del circo a favore di chi soffre un disagio fisico, psichico o sociale in corsia d'ospedale, in case di riposo, in comunità psichiatriche, in carcere, ecc.. Gli argomenti sono: coesione nel gruppo, fiducia, tecniche di comicoterapia, il personaggio-clown, il clown nel sociale. Alla fine dell’incontro si realizza sempre uno spettacolo realizzato nelle strutture adeguate (Scuola Elementare, Istituto Villa Nazzarena,Casa protetta di Panicale...) “NON SI DEVE ESSERE “DOTTORI” O “INFERMIERI” PER FREQUENTARE QUESTO CORSO!

A presto con le prossime iniziative del Presidio “Gim ch’è Bulo!”

 

Il Presidente del Presidio

Marta Cecconata 3° RIM

Hour of Code

L'Ora del codice è arrivata.

 
L'Ora del Codice è un movimento globale che coinvolge decine di milioni di studenti in più di 180 nazioni. Chiunque, in ogni parte del mondo, può partecipare ad un'Ora del Codice.
 Non è necessaria alcuna esperienza. Da 4 a 104 anni!

Vi aspettiamo tutti, grandi e piccini, sabato 10 dicembre nei nostri laboratori.

Per iscrizioni: goo.gl/EBdEjU

 

“Lo stupore… è uguale per tutti”

 

Tutti a scuola a.s 2016-2017

Il 30 settembre 2016 tre ex studentesse dell’Istituto Omnicomprensivo “Rosselli-Rasetti” di Castiglione del Lago hanno partecipato a Sondrio alla cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico 2016/2017 “Tutti a scuola” . Le tre giovani hanno frequentato la 3^ media di Castiglione del Lago l’anno scorso ed hanno avuto l’onore di partecipare all’evento grazie alla realizzazione di una performance “Lo stupore è uguale per tutti”. Accompagnate dal prof. Mariano Centomo e dalla prof.ssa Anna Maria Ceccanibbi hanno potuto assistere al discorso del Presidente della Repubblica Mattarella e del Ministro dell’istruzione Giannini. Molto emozionante il momento dell’inno nazionale cantato da centinaia di studenti provenienti da tutta Italia che rappresentavano i partecipanti ai progetti di eccellenza delle scuole d’Italia. Altri momenti che sono rimasti impressi alle studentesse il collegamento in diretta con la scuola di Amatrice e l’incontro con gli atleti medagliati alle olimpiadi e alle paraolimpiadi di Rio 2016.

 

 

   

 

A.s 2015-2016

Sabato 4 giugno i ragazzi di terza media hanno presentato al cinema Caporali una performance teatrale dal titolo “lo stupore...è uguale per tutti” in occasione della presentazione dei progetti più significativi dell’Istituto comprensivo.

Per loro è stata la terza rappresentazione: il 15 aprile ad Assisi al Meeting nazionale delle scuole di pace, il 28 maggio al teatro di Sanfatucchio per le famiglie.

Tutto è cominciato dal video “Il circo della farfalla” che è stato presentato alle delle classi terze per stimolarli a riflettere sulla bellezza delle cose semplici che spesso sfuggono allo sguardo dei distratti. Oggi la maggior parte delle persone è diventata indifferente, non fa più caso ai particolari, la normalità non esiste più, e se esiste è sinonimo di vita noiosa. Tutto viene presentato dai media come “sensazionale, fantastico, straordinario, eccezionale,” e invece di suscitare interesse spesso la gente non fa più caso a niente. Per reagire a tutto ciò la scuola secondaria di 1 grado in collaborazione con l’associazione “Trasimenoteatro” ha pensato e realizzato un progetto che avesse come tema lo stupore. Un bel gruppo di ragazzi delle classi terze ha risposto all’invito e, di sabato mattina, con la presenza degli insegnanti Anna Maria Ceccanibbi, Filippo Temperini, Federica Migni e Mariano Centomo , ha messo su una performance teatrale originale: ha unito black light theatre (teatro al buio), body percussion, musica suonata dal vivo, che hanno fatto da cornice ad una breve storia sul tema dello stupore. Il messaggio della performance è quello di smontare gli stereotipi che gli adulti hanno nei confronti dei ragazzi e di comunicare che per stupirsi basta guardarsi intorno con occhi limpidi, senza pregiudizi e essere pronti a fare il primo passo.

 

 

Progetto Erasmus+ “SOS Sciences”. 

 

Il 27 e 28 aprile 2016 il nostro Istituto ha accolto una delegazione di studenti e insegnanti di Dinant (Belgio), nostri partners Erasmus. Questa visita è stata l’occasione per far conoscere vari progetti che vedono impegnata su più fronti la nostra scuola ma, soprattutto, per presentare ai partners i lavori finora svolti nell’ambito di “SOS Sciences” e pianificare il percorso per il prossimo anno scolastico .

La classe 2°A ITE ha così presentato, in francese, il proprio lavoro articolato su due tematiche:          

1. Il costo umano dello smartphone e lo sviluppo sostenibile

GeografiaCOLTAN 

 

2. L’acqua e il nostro territorio

 eau

 

Corso di clown terapia con Donato dell’Associazione VIP (Vivere In Positivo).

 

 

 

Noi ragazzi del Presidio del Volontariato abbiamo fatto un percorso di clownterapia con il “mago Dudi” dell’associazione VIP. Abbiamo fatto giochi interattivi per conoscerci meglio, per socializzare, per avere maggiore fiducia in noi stessi, per ascoltare. Abbiamo creato un gruppo unito.

Il tutto si è finalizzato in uno spettacolo che abbiamo portato il 12 aprile a “Villa Nazzarena” che ospita donne con problemi psicofisici gravi.

Molti di noi si sono trovati inizialmente a disagio, ma successivamente l'interazione con loro ci ha portato a sentirci più liberi. Ci siamo veramente sentiti persone migliori.

All'inizio, devo dire che ho provato molto dispiacere e mi ero pentita di esserci andata, ma poi stando con loro, scherzando e ridendo sono stata davvero bene, mi sono sentita utile nel fare del bene a delle persone che hanno bisogno e sono state meno fortunate di noi. È stata un'emozione unica, indescrivibile, nel vederli più felici e che potevano divertirsi anche loro come fanno tutte le persone normali .

Sono persone davvero stupende. A me in particolare, dall'inizio, mi ha colpito un'anziana, lei non voleva ballare, si sentiva troppo bassa rispetto a me. Ho deciso di starle vicino e chiacchierare insieme. Ho conosciuto una persona piena di vitalità, gioia, amore e voglia di vivere la vita con arte. È una persona che non dimenticherò, mi ha fatto davvero riflettere. Nella vita ci lamentiamo sempre, ma dobbiamo ringraziare per quello che si ha.

 

 

Dopo questa esperienza, che spero non sia l'ultima, mi sento migliore, davvero. Donya 2A ITE

                                                                                                                     

 Secondo me è stata una sensazione bellissima, vedere gli anziani sorridere anche facendo piccoli gesti. 

Come ha detto “Dudi” mettersi in ridicolo per regalare un sorriso a qualcuno è una cosa bellissima.

Oggi ho capito, che non tocca mai abbatterci perché la vita è bella e tocca viverla il più possibile .  Marta 2A ITE            

 

                                                                                                                       

 

 

Il Presidio del Volontariato a Rondine Cittadella della Pace ad Arezzo

I ragazzi del Presidio del Volontariato e la classe 3A della secondaria di primo grado si sono recati a Rondine Cittadella della Pace ad Arezzo per incontrare i giovani dello studentato e fare con loro un percorso della gestione dei conflitti.

L’Associazione Rondine svolge un ruolo attivo nella promozione della cultura del dialogo e della pace, tramite l’esperienza concreta dello Studentato Internazionale. Giovani provenienti da diverse culture e da Paesi generalmente identificati dalla Storia come nemici arrivano nel borgo medievale di Rondine, in Toscana, per studiare e vivere insieme. Con la speranza di diventare leader pacifici di domani. La realtà da cui ognuno di loro proviene ha generato sospetto, diffidenza, rancore, odio e vendetta. Quando arrivano a Rondine, questi ragazzi si lasciano alle spalle convinzioni alimentate per anni dalla propaganda, si guardano negli occhi, studiano insieme e iniziano a cambiare. Cambiano le loro relazioni, cambia la coscienza del loro ruolo oggi e di come potrebbe evolversi domani.

Dopo il periodo trascorso a Rondine tornano nei propri Paesi d’origine, portandosi dietro una nuova visione del mondo e il desiderio di cambiarlo.

 

 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA

CHI SIAMO:

 

Presidio del Volontariato “Gim ch’è bulo”      

Costituito nell’a.s. 2009/2010

 

CHE FACCIAMO:

Facciamo volontariato nell’Ist. Omnicomprensivo “Rosselli-Rasetti della scuola secondaria di secondo grado. Il nostro scopo è di trasmettere ai nostri coetanei il valore della solidarietà, della partecipazione e della cittadinanza attiva. Organizziamo feste, convegni e piccoli eventi finalizzati alla raccolta fondi da destinare ad attività o iniziative socialmente utili.

DOVE SIAMO:

Istituto Omnicomprensivo “Rosselli-Rasetti”Via Bruno Buozzi, 8206061 Castiglione del Lago Perugia

 COME PUOI CONTATTARCI:

 

facebook: presidio del volontariato Gim ch’è bulo

 

NEL NOSTRO FUTURO

Fra le iniziative in cantiere quest’anno scolastico:

Gioco dei diritti alle classi seconde della secondaria di primo grado il 10 dicembre, in occasione della giornata della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani;

Amichevole intergenerazionale il 19 febbraio con il Centro sociale anziani: “ti do una briscola, dammi il cinque” e gara di bocce il 22 maggio.

Corsi di animazione e di clownterapia per restituire il sorriso ai bambini in ospedale da gennaio a marzo.

Cene sociali.

Collaborazioni con le associazioni:

ANT (fondazione nazionale tumori) con la vendita delle calze della befana e delle uova di cioccolato.

Telefono Azzurro: con la vendita delle piantine di fiori

Festa della famiglia il 15 maggio preso la scuola primaria di Castiglione del Lago con uno spettacolo e giochi d’altri tempi.

Aprile, mese della prevenzione all’alcol.

Informazione alle classi del biennio.

 

 

 

Gentile Dirigente,

si è appena conclusa la Settimana del Piano Nazionale per la Scuola Digitale, ricca di iniziative realizzate su tutto il territorio nazionale.

È stato, infatti, un grande successo che ha visto l’adesione e il coinvolgimento di oltre 1.200 scuole!

Nei piccoli così come nei grandi centri, le scuole hanno aperto le loro porte e i loro laboratori a famiglie, associazioni, cittadini per raccontare le proprie esperienze di innovazione e per illustrare le novità e le opportunità del Piano nazionale per la scuola digitale.

Questa Settimana rappresenta, tuttavia, solo l’inizio di un percorso che si intende condividere con le scuole, in cui la stessa scuola deve diventare un potente moltiplicatore di domanda di innovazione e un vero cambiamento per il Paese.

La ringrazio, quindi, vivamente e ringrazio tutti coloro che attivamente hanno lavorato e collaborato per la Settimana del PNSD per la passione, l’impegno e la creatività dimostrati per far crescere l’innovazione del sistema scolastico e l’educazione digitale.

A tal fine, è stato predisposto un attestato di partecipazione, da compilare con la denominazione della Sua Istituzione scolastica e da pubblicare sul sito internet della scuola, quale segno dell’esperienza innovativa realizzata.

 

Cordialmente,

Direttore Generale 

Simona Montesarchio

A scuola d'impresa: progetto BioEnergy Reed

BioEnergy

TeCHe

Progetto TeCHe

 

TeCHe

 

Presentazione del progetto.

 

Progetto

Progetto Erasmus: Si nous osions les sciences

 

 

Erasmus

Pagina 1 di 2

Vai all'inizio della pagina